Oltre 100 data center marini sono collegati e forniscono scoperta e accesso alle risorse di dati per tutti i ricercatori europei.

Inoltre, SeaDataNet è un'infrastruttura chiave che guida diversi portali della rete europea di osservazione e dati marini (EMODnet), avviata dalla DG UE MARE per la conoscenza marina, MSFD e crescita blu. SeaDataNet completa il servizio di monitoraggio ambientale marino Copernicus (CMEMS), coordinato dalla DG-GROW dell'UE.

Tuttavia, è necessario un accesso più efficace e conveniente per sostenere meglio i ricercatori europei. Gli standard, gli strumenti e i servizi sviluppati devono essere rivisti e aggiornati per stare al passo con la domanda, come lo sviluppo di nuovi sensori e gli standard internazionali e IT. Anche EMODnet e Copernicus pongono ulteriori sfide per migliorare le prestazioni e favorire la conformità INSPIRE. Devono essere resi disponibili più dati da più fornitori di dati, da progetti di ricerca europei e internazionali e programmi di osservazione.


SeaDataCloud mira a far progredire notevolmente i servizi SeaDataNet e ad aumentarne l'utilizzo, adottando la tecnologia cloud e HPC per migliorare le prestazioni. Più utenti saranno coinvolti e per sessioni più lunghe includendo servizi avanzati in un ambiente di ricerca virtuale. I ricercatori saranno dotati di una raccolta di servizi e strumenti, adattati alle loro esigenze specifiche, a sostegno della ricerca marina e che consentono la generazione di prodotti a valore aggiunto. I dati riguardano l'ampia gamma di osservazioni in situ e dati di telerilevamento. Per avere accesso alle più recenti tecnologie e strutture cloud, SeaDataNet collaborerà con EUDAT, una rete di infrastrutture informatiche che sviluppano e gestiscono un quadro comune per la gestione dei dati scientifici in tutta Europa. SeaDataCloud migliorerà i servizi per utenti e fornitori di dati, ottimizzerà la connessione di data center e stream e interagirà con altre reti europee e internazionali.

data chiusura progetto
Partner

più di 70 partner elencati nel sito del progetto

Ambito
Unione Europea