Facilitare l'interazione tra gli scienziati che si occupano intelligenza artificiale e il calcolo ad alte prestazioni, e di stabilire le basi per la tecnologia digital twin basata su Calcolo ad alte prestazioni (HPC) + Intelligenza Artificiale (AI), migliorando la preparazione per future pandemie e nuove sfide. Questo l'obiettivo del memorandum of Understanding (MoU) siglato tra CLAIRE (Confederation of Laboratories for Artificial Intelligence Research in Europe), CINI (Consorzio Nazionale Interuniversitario Italiano per l'Informatica) e ABD (Associazione Big Data). 

Si tratta di un protocollo d'intesa che ha lo scopo di consentire alle comunità di ricercatori afferenti a CLAIRE e CINI di sviluppare le proprie ricerche utilizzando supercomputer forniti dai membri dell'Associazione Big Data (CINECA, CMCC, ENEA, INFN): gli esperti di AI e gli scienziati di altre discipline che lavorano su progetti correlati a COVID-19 potranno utilizzare in modo efficiente i supercomputer dell'Associazione, promuovendo ricerche sull'AI, eseguendo carichi di lavoro in ambito AI (anche con dati medici) su grandi piattaforme HPC non tradizionalmente concepite per questo tipo di attività.

Queste fruttuose collaborazioni tra ricercatori in tutta Europa e l'accordo che CLAIRE ha firmato con ABD e CINI dimostrano che l'Europa può trarre vantaggio da un ecosistema europeo di Intelligenza Artificiale per supportare lo sviluppo di aree strategiche come la salute, per promuovere la ricerca sull'AI e migliorare la qualità della vita tutti i cittadini europei.