Il Ministro della Funzione Pubblica Fabiana Dadone ha incontrato, in videoconferenza, Assinter Italia, l'associazione che raccoglie le principali società in house del nostro Paese, per dare avvio al Tavolo di lavoro sui temi del lavoro agile nelle amministrazioni pubbliche. Anche Cineca è parte della Rete Assinter, con cui, tra gli altri progetti, ha attivato un centro di competenza nell'ambito dei Big Data i sanità. L'incontro con il Ministro è stato l'occasione per presentare le attività messe in campo dai soci della Rete a supporto dello smart working per la pubblica amministrazione: tra le iniziative presentate, anche quelle di Cineca, che fin dalle prime fasi dell'emergenza si è attivato per garantire la continuità operativa ai propri consorziati, e in particolare i servizi pubblici essenziali.

Nel corso dell'incontro con Assinter, il Ministro Dadone ha sottolineato come le società pubbliche dell’informatica siano depositarie di un patrimonio di competenze e di buone pratiche che possono contribuire in modo importante a proiettare tutta la Pubblica Amministrazione nel futuro, sottolineando l'importanza di collaborare per favorire il rapido trasferimento di soluzioni, tecnologiche ed organizzative, alle Pubbliche Amministrazioni.

Il trasferimento tecnologico è insito nel DNA di Cineca: fin dalla sua costituzione, cinquant'anni fa, il Consorzio è centro nevralgico e promotore del trasferimento delle competenze acquisite nell'ambito della ricerca scientifica e tecnologica ai propri consorziati e al Paese. Di fronte a questo appello, a collaborare per proiettare il lavoro pubblico verso nuovi paradigmi culturali ed organizzativi, non ci tiriamo indietro. ha dichiarato il Direttore Generale di Cineca David Vannozzi Da molti anni l’offerta di Cineca per i propri consorziati è orientata all'erogazione di servizi in cloud, anche seguendo le linee di indirizzo tracciate da AgID. I servizi Cineca sono abilitanti allo smart working dei propri utenti e in questa situazione di emergenza hanno consentito loro di affrontare il lockdown con maggior agilità. Oltre all'attivazione del telelavoro per i propri dipendenti, e per le strutture gestite in outsourcing, Cineca ha avviato le opportune azioni di potenziamento di servizi ed infrastrutture atte a garantire la qualità, la continuità e l'affidabilità dei servizi erogati".

Per quanto riguarda Cineca, oltre il 90% dei dipendenti Cineca ha potuto continuare a operare in telelavoro (850 dipendenti, di cui 158 presso l’Università Gabriele d'Annunzio di Chieti, per il quale Cineca opera in outsourcing, su un totale di 882 dipendenti del Consorzio). Inoltre, Cineca ha collaborato anche all’implementazione dell’infrastruttura abilitante lo smart working per l’ateneo di Chieti, per un totale di 300 dipendenti.

Per una veloce, e non esaustiva, panoramica delle iniziative di Cineca a supporto degli atenei: i servizi erogati in modalità SaaS, Iaas per dipendenti degli uffici amministrativi degli atenei (tra gli altri, i servizi a supporto della gestione del personale, della contabilità, delle Segreterie studenti) sono stati potenziati e, in alcuni casi, sono state messe in atto integrazioni per consentire di automatizzare e facilitare i processi. Ovviamente sono state attivate le opportune modifiche per adeguare le procedure per la gestione delle risorse umane alle nuove disposizioni del Decreto “Cura Italia”. In diversi atenei è stata accelerata l’introduzione di alcuni processi di digitalizzazione per lo snellimento burocratico, per esempio gli iter approvativi di alcuni flussi documentali molto importanti in ateneo: i decreti rettorali, le determine del direttore generale e le determine dirigenziali. Infine, per quanto riguarda il supporto alla didattica, particolarmente importante è stato il potenziamento dei servizi erogati agli atenei a supporto dell'elearning.