Tu sei qui

Verso la realizzazione di supercomputer di livello mondiale in Europa

26 Novembre 2019

Sono stati firmati oggi gli accordi di hosting tra l'impresa comune europea di calcolo ad alte prestazioni (EuroHPC JU) e gli otto siti in cui saranno installati i suoi primi supercomputer pre-exascale.

La sottoscrizione degli accordi segue l’annuncio dato lo scorso giugno, che ha ufficialmente designato gli otto centri di supercalcolo nell'Unione Europea che ospiteranno i supercomputer. I nuovi supercomputer saranno resi accessibili ai ricercatori, all'industria e alle imprese europee, per sviluppare nuove applicazioni in settori quali l'intelligenza artificiale e la medicina personalizzata, la progettazione di farmaci e materiali, la bioingegneria, le previsioni meteorologiche e la lotta ai cambiamenti climatici. 

Per l'Italia l'accordo è stato firmato dal Prof. Ing. Eugenio di Sciascio, Presidente di Cineca. Cineca, infatti, coordina il progetto che porterà presso il tecnopolo di Bologna uno dei supercomputer di classe pre-exascale, in collaborazione con INFN e Sissa. A livello internazionale la partnership comprende Austria, Ungheria, Slovenia e SlovacchiaIl Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca finanzia al 50% l’iniziativa, mentre il restante 50% è finanziato dalla Commissione Europea.

Il commissario europeo per Economia e Società digitali Mariya Gabriel ha dichiarato: "Queste firme segnano una pietra miliare nelle attività dell'impresa comune, avvicinandoci di più alla nostra ambizione di rendere l'Europa un leader globale nel calcolo ad alte prestazioni. Entro la fine del prossimo anno, otto supercomputer di livello mondiale aiuteranno i ricercatori e l'industria europei, ovunque si trovino nell'UE, a eseguire applicazioni che richiedono grandi quantità di potenza di calcolo per fare progressi significativi nella lotta ai cambiamenti climatici, nella progettazione di nuovi farmaci, nello sviluppo di nuovi materiali e molte altre aree. Accolgo inoltre con favore la Macedonia del Nord come trentesimo membro dell'impresa comune. Sono lieto che, nell'ambito del suo impegno con l'agenda digitale dell'UE per i Balcani occidentali, il paese si sia impegnato a investire nell'impresa comune e nelle sue ambiziose infrastrutture e obiettivi di ricerca ".

Gli accordi sottoscritti oggi a Strasburgo tra i rappresentanti  delle "hosting entity"  e i rappresentanti della JU EuroHPC sono documenti contrattuali che definiscono i ruoli, i diritti e gli obblighi di ciascuna entità ospitante. 

Il processo di acquisizione dei nuovi supercomputer prende dunque ufficialmente il via: tre dei nuovi supercomputer saranno di classe pre-exascale (in grado di eseguire oltre 150 Petaflop o 150 milioni di miliardi di calcoli al secondo). Saranno localizzati nei seguenti centri di supercalcolo:

  • Centro di supercomputer di Barcellona, Spagna
  • CSC - IT Center for Science, Finlandia
  • CINECA, Italia.

Gli altri cinque saranno supercomputer di classe petascale (in grado di eseguire più di un Petaflop o 1 milione di miliardi di calcoli al secondo). Questi cinque supercomputer petascale saranno comproprietari dell'impresa comune EuroHPC e saranno situati nei seguenti centri di supercalcolo:

  • Sofiatech, Bulgaria
  • Centro nazionale di supercomputer IT4Innovations, Repubblica Ceca
  • Luxprovide, Lussemburgo
  • Minho Advanced Computing Center, Portogallo
  •  IZUM, Slovenia.

Prossimi passi

In seguito alla sottoscrizione degli accordi di hosting saranno pubblicati i bandi di gara per l'acquisto (acquisizione, installazione e manutenzione) degli otto supercomputer. La gara d'appalto per l'approvvigionamento dei tre supercomputer pre-exascale è già online, mentre le gare d'appalto per l'approvvigionamento dei cinque supercomputer petascale seguiranno entro la fine del 2019.

Maggiori info sito Web EuroHPC JU e il feed Twitter per maggiori informazioni.

Si prevede che i supercomputer petascale entreranno in produzione a metà 2020 e i supercomputer pre-exascale saranno accessibili ai ricercatori alla fine del 2020.+