Tu sei qui

A Tom Leighton, CEO di Akamai, il Marconi Prize 2018

3 Ottobre 2018

Tom Leighton, ideatore di una rivoluzionaria soluzione per eliminare il problema della congestione del traffico dati sul web, è stato insignito del Marconi Prize 2018. Leighton, considerato uno dei padri dello streaming online, ha fondato e oggi dirige Akamai, una delle più grandi e importanti aziende al mondo per le tecnologie di rete: se oggi riusciamo a vedere un film online o a seguire un evento in diretta streaming senza problemi è anche merito suo.

Assegnato ogni anno a inizio ottobre da The Marconi Society, il "Marconi Prize" è il più prestigioso premio a livello mondiale nel campo dell’Information and Communication Technology e può essere accostato a un Premio Nobel per l'ICT per l’importanza e per la fama degli scienziati ai quali è stato conferito (ad esempio i fondatori di Google Larry Page e Sergey Brin o il padre del web Tim Berners-Lee).

The Marconi Society, una fondazione dedicata ai progressi in Internet e alle comunicazioni a beneficio dell’umanità, annualmente dà un riconoscimento alle personalità che contribuiscono in modo significativo all’avanzamento delle comunicazioni attraverso scoperte scientifiche e imprenditorialità attraverso il Marconi Prize. Inoltre premia ogni anno alcuni giovani scienziati e ingegneri che hanno dimostrato il potenziale di apportare contributi straordinari nel campo delle scienze dell’informazione e della comunicazione tramite il programma Paul Baran Young Scholar Award.

La cerimonia di premiazione, che si tiene ogni anno in una sede diversa, quest'anno è tornata in Italia, presso Villa Griffone a Sasso Marconi (Bologna), ed è stata organizzata dalla Fondazione Guglielmo Marconi. L'evento si è svolto lo scorso 2 ottobre nel corso del Marconi Society Symposium, durante il quale sono stati affrontati temi legati alle grandi emergenze che animano la rete.

 

Oltre a Tom Leighton, ospite d’onore, all'incontro hanno partecipato: Giovanni Emanuele Corazza, docente dell’Università di Bologna e presidente del Cineca, Vint Cerf, vice presidente e Chief Internet Evangelist di Google, nonché uno degli ideatori del protocollo TCP/IP su cui si basa l’architettura della rete internet, insieme a Julia Powels (New York University), Sarah Roberts (UCLA), Ade Adewunmi (TeraData), Stefano Pileri (Italtel), Michelle Dennedy (Cisco), Jay Coley (Akamai Technologies), Giovanni Guidotti (Leonardo), Martin Hellman (Standford University).

Maggiori informazioni nella colonna degli approfondimenti.