La Commissione Europea ha lanciato ieri una serie di iniziative per favorire lo sviluppo di un'intelligenza artificiale (AI) affidabile. Allineate ai valori e alle normative dell'UE, queste misure seguono il consenso raggiunto nel dicembre 2023 riguardo alla EU AI Act – la prima legge "completa" al mondo sull'AI, che supporterà lo sviluppo, la distribuzione e l'adozione di un'IA affidabile nell'UE.

Link alla comunicazione sul sito della Commissione Europea

Le iniziative annunciate dalla Commissione Europea assumono un ruolo di primo piano nell'evoluzione dell'intelligenza artificiale (IA), con particolare enfasi sui supercomputer e sull'ecosistema di calcolo avanzato europeo. Nel contesto di questa strategia, il supercomputer Leonardo, gestito da Cineca, e i supercomputer LUMI e MareNostrum5 emergono come elementi chiave nell'accelerare lo sviluppo e l'implementazione di modelli AI sofisticati.

Leonardo, tra le più potenti infrastrutture di supercalcolo al mondo, diventa una risorsa cruciale per la formazione e l'addestramento di modelli AI avanzati, garantendo un vantaggio significativo per l'innovazione tecnologica in Europa. L'approccio integrato della Commissione, con AI Factories e l'accesso privilegiato ai supercomputer, sostiene la visione di creare un ecosistema europeo di supercalcolo robusto e collaborativo.

I principali elementi delle iniziative annunciate dalla Commissione Europea

Fabbriche dell'IA e Accesso ai Supercomputer:

Uno degli aspetti chiave di questa iniziativa riguarda la creazione delle AI Factories attraverso una modifica del Regolamento EuroHPC. Questo passo rivoluzionario mira ad acquisire, potenziare e gestire supercomputer dedicati all'IA, facilitando l'apprendimento automatico rapido e la formazione di modelli AI generali di grande portata. L'accesso privilegiato a questi supercomputer si estende a una vasta gamma di utenti, inclusi start-up e PMI, favorendo un ecosistema collaborativo. Le AI Factories fungeranno da punto unico di supporto, assistendo start-up e innovatori nello sviluppo algoritmico, nei test e nella convalida di modelli AI su larga scala, offrendo strutture di programmazione amichevoli per i supercomputer e altri servizi abilitanti per l'IA. L'obiettivo finale è stimolare lo sviluppo di diverse applicazioni AI emergenti basate su modelli AI generali.

Creazione dell'Ufficio per l'IA:

In parallelo, la Commissione sta istituendo un AI Office, destinato a svolgere un ruolo cruciale nell'indirizzare la politica sull'IA a livello europeo. Questo organismo centralizzato sovraintenderà all'attuazione e all'applicazione della prossima legge sull'IA, garantendo il rispetto delle regole relative ai modelli e ai sistemi AI generali. Oltre al suo ruolo regolamentare, ci si aspetta che l'AI Office favorisca la collaborazione internazionale e la condivisione di conoscenze, promuovendo l'approccio dell'UE alla governance dell'IA a livello globale.

Comunicazione UE sulle Start-up e sull'Innovazione nell'IA:

L'impegno della Commissione a sostenere le start-up e l'innovazione nell'IA è ulteriormente sottolineato da una completa EU AI Start-Up and Innovation Communication. Questa comprende un sostanziale supporto finanziario attraverso Horizon Europe e il programma Digital Europe, con un investimento complessivo previsto di circa 4 miliardi di euro fino al 2027. Fanno parte del pacchetto iniziative per rafforzare il pool di talenti generativi nell'IA attraverso attività di formazione e riqualificazione. Inoltre, si pone un forte accento sull'incoraggiamento degli investimenti pubblici e privati nelle start-up e nelle scale-up dell'IA, agevolati dal supporto di capitale di rischio o equity.

Iniziativa 'GenAI4EU':

L'iniziativa 'GenAI4EU' aggiunge un altro strato a questa strategia multifacetata, concentrandosi sul supporto allo sviluppo di nuovi casi d'uso e applicazioni emergenti in vari ecosistemi industriali, tra cui robotica, salute, biotecnologia, manifattura, mobilità, clima e mondi virtuali.

Consorzi di Infrastrutture Digitali Europee (EDIC):

Per potenziare l'infrastruttura dell'IA, la Commissione sta istituendo i European Digital Infrastructure Consortiums (EDICs). L'Alliance for Language Technologies (ALT-EDIC) punta a sviluppare un'infrastruttura europea comune per le tecnologie linguistiche, affrontando la carenza di dati in lingue europee per l'addestramento di soluzioni AI. Allo stesso tempo, il consorzio 'CitiVERSE' applicherà strumenti AI all'implementazione e all'ottimizzazione di Local Digital Twins per Smart Communities, consentendo alle città di simulare e ottimizzare processi.

Comunicazione dell'UE sull'AI:

La Commissione ha anche adottato una 'AI@EC Communication', che delinea la sua strategia interna sull'uso dell'Intelligenza Artificiale. Questo documento stabilisce azioni concrete su come la Commissione intende costruire capacità istituzionali e operative per garantire lo sviluppo e l'uso di un'IA affidabile, sicura ed etica. La Commissione è impegnata a sostenere le amministrazioni pubbliche dell'UE nell'adozione e nell'uso dell'Intelligenza Artificiale.

Prossimi Passi:

Il Parlamento europeo e il Consiglio valuteranno ora le proposte di modifica al Regolamento che istituisce la European High Performance Computing Joint Undertaking. Contestualmente, l'AI Office sarà istituito all'interno della Commissione per implementare il futuro EU AI Act a livello Europeo e sovraintendere le regole per i modelli e i sistemi AI generali.

In sintesi, questa iniziativa della Commissione UE segna un passo audace nel promuovere lo sviluppo dell'IA affidabile in Europa. L'approccio integrato, che include la creazione di AI Factories, l'istituzione dell'AI Office e un forte impegno nelle start-up e nell'innovazione, riflette l'ambizione di posizionare l'UE come leader mondiale nell'era dell'IA, rispettando i valori e le norme europee. Nel contesto delle iniziative annunciate, l'integrazione di supercomputer avanzati, come Leonardo, all'interno della strategia europea per l'IA rafforza la posizione dell'Unione Europea nel campo dell'intelligenza artificiale, garantendo al contempo un'eccellenza tecnologica che favorirà l'innovazione e la competitività nell'era digitale.