Cineca ritiene strategica la partecipazione a progetti di carattere nazionale ed europeo. La collaborazione con partner illustri e di rilievo a livello internazionale permette a Cineca di diffondere, ma anche di ampliare le proprie competenze in nuovi ambiti.  I progetti in corso sono elencati in questa pagina, suddivisi in base alle aree tematiche.

High performance computing

  • La rivoluzione digitale di oggi sta avendo un forte impatto sull'industria farmaceutica e sull'intero sistema sanitario. L'implementazione di Machine Learning, simulazioni al computer su scala estrema e analisi dei big data nel processo di progettazione e sviluppo dei farmaci offrono un'eccellente opportunità per ridurre il rischio di investimento e ridurre i tempi di attesa per il paziente.

  • GENOMED4ALL utilizzerà le infrastrutture e le iniziative esistenti, tra cui potenti strutture di High Performance Computing, registri ospedalieri, strumenti di elaborazione dati e archivi preesistenti, a partire da 10 repository di partner clinici per essere ampliati soprattutto dalle risorse fornite da ERN-EuroBloodNet.

    I partner clinici hanno una posizione di leadership, infatti il progetto aggrega 66 siti clinici rilevanti che forniscono archivi e conoscenze per loriuscire a sfruttare dati genomici, clinici e di "-omics" correlati per facilitare la medicina personalizzata nelle malattie ematologiche comuni, rare e ultrarare per dimostrare la versatilità e l'utilità delle soluzioni e 20 use cases esterni alla rete del progetto

  • Il progetto europeo e-SHyIPS (Ecosystemic knowledge in Standards for Hydrogen Implementation on Passenger Ship) è volto a definire le nuove linee guida per un'efficace introduzione dell'idrogeno nel settore del trasporto marittimo di passeggeri.

  • Lo scopo principale di Orchestra è la creazione di una coorte paneuropea per la definizione di modelli di prevenzione e di terapia efficaci della infezione da SARS-CoV-2.

  • FF4EuroHPC è il programma finanziato dall’Unione Europea nell’ambito di Horizon 2020 rivolto alle PMI per agevolare l’ingresso delle tecnologie 4.0 nel settore produttivo. 

  • Il progetto EUHubs4Data, finanziato dall’UE, costruirà una federazione europea di poli per l’innovazione dei dati basata sugli attori chiave esistenti in quest’ambito. Un catalogo europeo di fonti di dati e servizi e soluzioni federati basati sui dati verrà messo a disposizione di PMI, start-up e imprenditori web europei attraverso i poli per l’innovazione dei dati.

  • Obiettivo del progetto, selezionare le molecole più promettenti per contrastare l’attuale epidemia e strutturare un modello operativo di intervento efficace ed efficiente a livello europeo per eventi analoghi. I risultati saranno messi a disposizione della comunità scientifica.

  • Il progetto implementa un approccio pratico per comprendere meglio e per gestire i molti aspetti della sostenibilità degli oceani, attraverso una serie di cinque progetti pilota dimostratori di Blue-Cloud.

  • Il Nodo italiano di ELIXIR, che ha l’ambizione di costituire una Infrastruttura Italiana di Bioinformatica (IIB) distribuita su più centri, si propone di aggregare tutti i ricercatori italiani che operano nel campo della Bioinformatica, favorendo lo scambio e lo sviluppo di competenze, di mettere a sistema le varie risorse bioinformatiche già riconosciute in ambito internazionale e pubblicamente disponibili, e di contribuire alla loro integrazione in seno all’infrastruttura europea.

  • Il progetto ICEI realizzerà elementi chiave dell'infrastruttura Fenix, che mira a fornire servizi di elaborazione e dati scalabili in modo federato. L'obiettivo è soddisfare le esigenze di infrastruttura informatica della comunità delle neuroscienze.

  • L'obiettivo del progetto HIGHLANDER è di sostenere una gestione più intelligente (ambientalmente ed economicamente sostenibile) delle risorse naturali e del territorio riducendo al tempo stesso i rischi e cogliendo le opportunità poste dal cambiamento climatico.

  • Il progetto è volto a restaurare, custodire, promuovere quello straordinario "museo all'aperto" che i bolognesi hanno realizzato nel corso di due secoli all'interno del convento dei Certosini, fondato nella prima metà del XIV secolo e soppresso da Napoleone. Si tratta di uno dei cimiteri più antichi d'Europa, di un monumento di importanza mondiale, un compendio della storia della città, un luogo unico per la scultura e l'architettura del XIX e del XX secolo.