Il diabete è una delle malattie cronico-degenerative più diffuse nella popolazione ed è gravato da molteplici complicanze croniche, che hanno un impatto significativo sia sull’attesa che sulla qualità della vita. In Italia le persone affette da diabete sono 3 milioni, e quasi altri 3 milioni di individui hanno la malattia ma non ne sono a conoscenza. Il diabete si colloca tra le maggiori cause di morte e disabilità (cecità, insufficienza renale, amputazioni) e rappresenta una delle voci più pesanti nel bilancio delle sanità regionali, strette fra i bisogni delle persone e la limitatezza delle risorse economiche.

 

Il workshop Il profilo assistenziale della popolazione con diabete, organizzato a Bologna dalla Società Italiana di Diabetologia (SID) e il Cineca il prossimo 16 novembre si pone l'obiettivo di analizzare i profili epidemiologico, socio-sanitario ed economico della popolazione con diabete, e stimolare la discussione tra i partecipanti.

 

 

 

 

 

Da 15 anni l’Osservatorio ARNO Diabete raccoglie dati sulle prescrizioni diagnostiche e terapeutiche in un’ampia coorte della popolazione italiana (oltre 10 milioni di abitanti, in 7 diverse Regioni ed in oltre 30 Province). L’Osservatorio dispone, per ogni singolo paziente, dei dati integrati della prescrizione farmaceutica, della specialistica/diagnostica e dei ricoveri ospedalieri, consentendo di analizzare la storia assistenziale di fasce di popolazione portatrici di patologie, studiandole  sotto il profilo epidemiologico, socio-sanitario ed economico.

 

 

L'ampia disponibilità di dati negli archivi ARNO consente di fornire un quadro preciso sull’andamento dei profili assistenziali e di generare proiezioni utili per un’ottimale pianificazione sanitaria.
Per la prima volta, poi, nel corso del workshop, verranno proposti approfondimenti su due temi molto attuali: la diffusione del diabete tra i cittadini stranieri e l’impatto del diabete nelle donne.

 

 

L'evento si terrà a Bologna, 16 novembre 2011 presso la Sala dello Stabat Mater (Biblioteca comunale dell’Archiginasio)
Altre informazioni sono disponibili sul sito del convegno.